2008_PLACE FLORENCE - ODA / OFFICINA DI ARCHITETTURA -

Vai ai contenuti

Menu principale:

2008_PLACE FLORENCE

PLF / Place Florence - International Competition

Location / Féz_Morocco
Year / 2008
Client / Comune di Firenze, Ordine Architetti di Firenze e Féz
Type / Competition
Status / 6th place
Design Team / ODA / Federico Novi (project leader), Monica Merlotti, Emma Barzotti

“…Che si vada a caccia dei tesori di una civiltà, come a Firenze o dell’inesauribile splendore di una vita generosa e ricca di sorprese, o della sensualità del sole, dei colori e dei sapori, Fès è il posto dove trovare ciò che si cerca. Qui nessuno sa dove finiscono i piaceri dello spirito e dove cominciano quelli dei sensi. Fès con la ricercatezza dei suoi palazzi e dei suoi musei e con la sua vivacità, è una città unica che invita ad un’infinità di esperienze…”

In un contesto a così forte vocazione “architettonica” come Féz, la progettazione di una piazza non può prescindere dai riferimenti autoctoni del luogo, ma deve farli elementi caratterizzanti e strumenti di materializzazione dello spazio. L’idea interpreta lo skyline tipico di Firenze (con la Cupola di Santa Maria del Fiore, il Campanile di Giotto ed i lungarni), sintetizzandolo e “frammentandolo” attraverso la tecnica della composizione fotografica a mosaico. Ne è scaturita una visione in pattern geometrici di Firenze. Lo spazio principale è rappresentato da una “piastra” sopraelevata rispetto al piano di calpestio. Tale corpo è concepito come un podio da cui si generano degli elementi architettonici che trasformano la superficie in un alternarsi di depressioni e dossi costituiti da tronchi di cono ora scavati ora pieni. Questi eventi divengo dei veri e propri “punti d’aggregazione”, microluoghi d’incontro, di sosta, veri e propri oggetti ludici, che cambiano o acquistano nuove figurazioni in funzione d’uso delle persone. La piastra è inoltre “forata” lungo Avenue Hassan II, per permettere la compenetrazione della fascia alberata a schermatura e filtro rispetto alla strada e caratterizzata da due pieghe che creano gli accessi in elevazione sia dall’Avenue Hassan II che al lato opposto verso la parte centrale della piazza. L’aspetto visivo complessivo è quello di un “percorso” in cui ognuno possa identificare i propri spazi di relazione. La pavimentazione adotterà pattern a motivi geometrici marocchini, alternati ad un fondo bianco, che rivestirà la piastra come un tessuto. Completano lo spazio gli elementi verdi inseriti ed integrati con i coni della pavimentazione

 
Torna ai contenuti | Torna al menu